Migliora il tuo italiano

CORSO DI LINGUA ITALIANA DI 2 LIVELLO

Auser Volontariato Q3 Gavinana organizza un Corso di lingua italiana per persone che hanno già una conoscenza di base della nostra lingua e desiderano migliorarne il livello

IL Corso avrà inizio il 19 Ottobre e si terrà’ presso il Circolo Boncinelli, in Via di Ripoli 209/E, dalle ore 21 alle 22.30 al mercoledì e sarà articolato su dieci lezioni

             Il Corso, riservato ai Soci Auser, è
Gratuito
Associazione ed iscrizioni si raccolgono presso La Sede de “il Porto” in Piazza Elia dalla Costa nei giorni :
martedì e mercoledì 15-18.30
giovedì 9.30-12.30
e termineranno il giorno 11 Ottobre
Per informazioni:
Tel. 055 6813028 nei giorni sopra indicati

Sedi Operative: Centro Polivalente “Il Porto” – Piazza Cardinale Elia Dalla Costa

Circolo P. Boncinelli-Via di Ripoli 209/E  Tel.3392559661-

E mail: auserq3@yahoo.com

O.n.l.u.s. Iscritta al Registro regionale del volontariato – C.F. 94058920482

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Ripresa visite museali e passeggiate per Firenze

 

A  tutti i nostri soci comunichiamo che con il mese di ottobre riprenderemo le visite museali e le passeggiate per la città per continuare a stare in compagnia, per scambiarsi esperienze e conoscenze per accrescere il nostro bagaglio culturale perché l’arte e la cultura non hanno età. Come detto in altre occasioni siamo disponibili ad accogliere idee e proposte riguardo al programma che formuleremo per il prossimo anno.

Questo il programma di qui a fine anno 2016

 Sabato 1 Ottobre              Nuovo museo Innocenti

 

Sabato  22 Ottobre           Passeggiata da Porta al Prato

                                          a Borgognissanti

 

Sabato  12 Novembre    Visita al Complesso di S. Maria Novella

 

 Sabato 26 Novembre      Museo Marini e Cappella Alberti

                                                                                                    

 Sabato 17 Dicembre        Visita Complesso di Santa Croce

Come di consueto programmi dettagliati di ogni singolo evento avverrà con comunicazione scritta ai soci.

A presto vedersi

Auser Firenze

 

 

 

 

Posted in Senza categoria | Leave a comment

VACANZE ANZIANI

Per il secondo anno consecutivo, nel quadro delle sue attività a sostegno della terza età, l’Auser di Firenze ha gestito ,per il Comune di Firenze,le vacanze anziani 2016.

Questa attività rientra nei tradizionali programmi di aiuto alla persona  e di socializzazione in favore degli anziani che restano soli in città nel periodo estivo, accompagnata inoltre da un programma di visite programmate nei principali musei cittadini.

A consuntivo possiamo esprimere soddisfazione per i risultati di questa seconda esperienza.

La conoscenza dei bisogni dell’anziano e l’esperienza maturata nel 2015 ci hanno consentito di migliorare la gestione complessiva dell’attività affidataci che quest’anno ha consentito a 676 anziani fiorentini di passare serenamente 15 giorni di svago e di socializzazione in ridenti località termali,marine e montane.

La preparazione e l’entusiasmo dei nostri volontari, uniti all’esperienza del personale dei Servizi Sociali del Comune, la professionalità e l’assistenza continua dell’agenzia Promoturismo, hanno garantito  un sicuro e piacevole soggiorno a tutti gli anziani.

Per questo Auser Firenze rivolge a tutti un sentito ringraziamento.

In conclusione  possiamo affermare di aver consolidato la presenza dell’Auser nella città come importante punto di riferimento volto a dare risposte ai bisogni, materiali ed immateriali, dell’anziano.

 

Auser Firenze                                             Firenze 12 agosto  2016

giovanni dell’olmo

Posted in Senza categoria | Leave a comment

visita-in-citta-Firenze-Piazza-San-FirenzeD

Posted in Attivita | Leave a comment

vacanze-anziani-2016-locandina-auser

Posted in Attivita | Leave a comment

VOLANTINO-Vacanze Anziani 2016(1)-page-001VOLANTINO-Vacanze Anziani 2016(1)-page-002VOLANTINO-Vacanze Anziani 2016(1)-page-003VOLANTINO-Vacanze Anziani 2016(1)-page-004

Posted in Attivita | Leave a comment

visita monte alle croci jpgmaggio 2016

Posted in Senza categoria | Leave a comment

0001

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Cattura1

Posted in Coordinamento Auser Firenze | Leave a comment

L’Auser di Firenze continua nella sua attività informativa: “consigli finalizzati a tutelare al meglio  la  salute”. Ci siamo proposti  con questa attività di indirizzare i soci, i cittadini  verso più  corretti stili di vita.

Il nostro scopo è, attraverso l’informazione,  di permettere ad ognuno una maggiore capacità di scegliere  e non quello di proibire creando paure, psicosi collettive spesso in buona parte immotivate .

Non vogliamo imporre vecchie o nuove  ideologie sanitarie, ma correttamente offrire conoscenze per aiutare ciascuno di organizzare autonomamente  le proprie scelte di vita.

L’articolo che segue, scritto dal nostro socio dott.   Giuseppe Curatola  che  riguarda un aspetto importante dell’alimentazione e cioè il consumo delle carni rosse è emblematico del nostro approccio culturale: “ che sia  la conoscenza e non la paura a guidarci”.

 

NON METTIAMO  TROPPA  CARNE  AL  FUOCO!

W la dieta mediterranea

Adesso che i riflettori sui rischi alla salute derivanti  dal consumo delle carni si sono praticamente spenti, proviamo a mettere qualche punto fermo su questa vicenda, basandoci su dati sufficientemente provati.

Cosa ha detto di veramente nuovo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)? Poco. Nei mesi scorsi, sulla base della letteratura scientifica disponibile ad oggi, ha solo aggiornato il livello di rischio derivante dall’uso delle carni, rischio già noto da molti anni. Le carni rosse sono state inserite nel Gruppo 2A, cioè tra quelle che “probabilmente” possono causare il cancro e per le quali la cancerogenicità è provata in maniera sufficiente per gli animali ma in maniera limitata sull’uomo. Maggiore è invece il rischio per le carni lavorate (salsicce, wurstel, prosciutto, speck, carne in scatola) che sono state inserite nel Gruppo 1 per il quale esistono sufficienti prove di cancerogenicità nell’uomo.

Ma, attenzione, nel Gruppo 1 sono inserite decine di sostanze con cui giornalmente veniamo inevitabilmente a contatto. Sappiamo bene, per esempio, che l’aria delle nostre città è inquinata anche da sostanze cancerogene. Cosa facciamo? Evitiamo di uscire in strada o di aprire le nostre finestre per paura dello smog? Ovviamente no! e allora proviamo a ragionare liberando la mente dai facili allarmismi.

Una prova sufficiente non vuol dire una conseguenza certa.  Scrive l’OMS: “chi mangia ogni giorno 50 gr di carne lavorata corre un rischio maggiore del 18% di sviluppare il cancro del colon”. Ma cosa significa questo in concreto? Che su 10 mila persone che non mangiano troppi insaccati (< 50 gr al giorno) 5 svilupperanno un cancro del colon, mentre su 10 mila che ne mangiano troppi (> 50 gr al giorno) i casi di cancro del colon saranno 6. Certo, è 1 in più ogni 10 mila, ma non l’ecatombe che ci hanno prospettato i media.

Quantità e qualità fanno la differenza. Ovviamente è determinante anche la quantità dei prodotti, legata spesso alle abitudini alimentari delle singole aree geografiche. Ad esempio, negli Stati Uniti il consumo medio di carne pro-capite è di 125 kg, mentre in Italia è poco più della metà (78 Kg). Anche la qualità del prodotto fa la differenza perché, ad esempio, una cosa è mangiare qualche fetta di un buon prosciutto toscano, per la cui preparazione sono previsti rigidi disciplinari, altro consumare prodotti esteri di dubbia provenienza e lavorazione. Ma di tutto questo l’analisi dell’OMS non ne tiene conto perché mette insieme i risultati di 800 studi provenienti da tutta la comunità scientifica del mondo. Anche la cottura è importante: infatti il rischio è maggiore con le preparazioni che comportino l’esposizione della carne alla fiamma diretta ed elevate temperature (es. griglia).

Niente panico.  Il documento dell’OMS ha acceso i riflettori e favorito il dibattito su un problema che riguarda la nostra salute e questo certamente è un bene. Come in altri casi (Mucca pazza, Aviaria, SARS, ecc.), si è generato un eccessivo allarme nella popolazione a causa del modo troppo strillato e poco ragionato con cui i media (giornali, televisione, internet, ecc.) hanno diffuso la notizia. Una sorta di psicosi collettiva che può colpire soprattutto le persone che non sono abituate a scegliere in autonomia. Impariamo invece a ragionare con la nostra testa, avvicinandoci con spirito critico e discernimento alle notizie, soprattutto a quelle che riguardano la nostra salute e facendo riferimento solo a fonti autorevoli.

Non mettiamo troppa carne al fuoco! Quindi non è necessario smettere di consumare la carne rossa (che, non dobbiamo dimenticare, contiene componenti importanti per la nutrizione, come proteine e ferro), ma va fatto con moderazione (una o due volte a settimana), e scegliendola di qualità.

 

Cosa ci ha insegnato questa vicenda?  Che restano valide le raccomandazioni delle Agenzie sanitarie internazionali, che suggeriscono per contrastare le malattie croniche, tumori compresi,  una dieta equilibrata con consumo quotidiano di cereali (pasta, riso o pane) preferibilmente integrali, frutta e ortaggi (almeno 5 porzioni al giorno), legumi  accompagnati alternativamente da carne (carni rosse e bianche), pesce, uova, latte e derivati oltre all’uso quotidiano per condire di olio extravergine di oliva: in pratica il modello della nostra dieta mediterranea.

Ma su questo e, piu’ in generale, sui corretti stili di vita si tornerà  a parlare a breve in questa rubrica.

Giuseppe Curatola

Medico e Volontario Auser Firenze

 

 

 

 

 

 

Posted in Coordinamento Auser Firenze | Leave a comment