La Regione Toscana ha deciso rendere obbligatorio l’utilizzo delle mascherine per tutti e di fornirne un primo set gratuito per ogni residente.

In attesa di saperne di più (che tipo di mascherina riceveremo? in che numero e con che frequenza? saranno riutilizzabili?) cerchiamo di aggiungere qualche ulteriore semplice informazione a quelle già fornite nei precedenti post su questo argomento, aiutati anche dalla fig.1

1.       Foulard, sciarpe, tessuti vari, mascherine non chirurgiche (ad esempio  quelle anti-inquinamento, senza certificazione di dispositivo medico):

  • Qualunque tessuto, qualunque forma di schermo che frapponiamo tra bocca ed esterno è chiaramente meglio di niente. Però, non essendo certificato, non sappiamo quanto è fitto quel tessuto né cosa filtra realmente, quindi quanto sia utile.

2.       Mascherine chirurgiche:

  • Sono dei dispositivi medici che proteggono dal droplet, cioè dalle goccioline che hanno una dimensione da 50 micron in su. Sono nate per proteggere chi si ha di fronte, infatti tutti sono d’accordo sul fatto che danno una elevata protezione  in uscita, ma non tutti gli esperti sono convinti  che le chirurgiche fungano da importante barriera anche in entrata.

3.       Mascherine FFP2 ed FFP3:

  • Sono efficaci, a differenza delle chirurgiche, anche su particelle più piccole.Le FFP3 lo sono un po’ di più delle FFP2. Sono nate per proteggere chi le usa. Per ora sono riservate prevalentemente al personale sanitario. Possono essere con o senza filtro. Se hanno il filtro l’operatore respira meglio grazie a una valvola che facilita l’espirazione, però in quel caso il filtro è efficace solo in ingresso ma non in uscita quindi, se chi le indossa è malato (magari senza saperlo), c’è un rischio che possa contagiare chi è di fronte a lui.

In conclusione, seguendo una popolare definizione attualmente in circolazione, potremmo definire “altruistiche” le mascherine chirurgiche, “intelligenti” le FFP2 e FFP3 senza valvola ed infine “egoistiche” le FFP2 e FFP3 dotate di valvola.

Va da sé che si tratta di una sommaria e non ufficiale classificazione nata in relazione alla protezione che le mascherine offrono a chi le indossi, ma anche a chi vi si trovi di fronte.

Tabella mascherine

Fig.1 – Tabella di raffronto protezione mascherine